Moncler darà un tocco in più al vostro guardaroba per il prossimo autunno/inverno

Chi non vuole sentirsi un genio? Le collezioni Genius del marchio del lusso di outerwear Moncler miglioreranno il vostro guardaroba per il prossimo autunno/inverno

Chi non vorrebbe essere un genio? Il marchio del lusso Moncler con il nuovo progetto Genius – per l’appunto – darà sicuramente un tocco in più al vostro guardaroba per il prossimo autunno/inverno. Il brand infatti ha chiamato 8 tra i migliori creativi del mondo della moda – tra cui spiccano i nomi di: Pierpaolo Piccioli, Direttore Creativo di ValentinoSimone RochaCraig Green, solo per citarne alcuni – a cui ha chiesto di creare una collezione che rispecchiasse l’estetica di ognuno. Così la prima collezione creata da Simone Rocha per Moncler ha preso spunto dagli alpinisti vittoriani del XIX secolo, creando una linea voluminosa, dalle proporzioni scomposte che ha saputo dar vita a un nuovo concetto di praticità tutta al femminile. Attraverso forma, volume e struttura, la collezione esplora idee nuove per intrecciare la femminilità di Simone Rocha con la praticità tipica di Moncler. Diverso invece l’approccio di Piccioli che fa dei quadri Rinascimentali la sua principale fonte di ispirazione per piumini-cappe lunghi fino ai piedi, abiti arricciati in vita e declinati in colori audaci e moderni.

0:00
/
1:00

Ognuna delle otto collezioni vive di vita propria, con pochi elementi stilistici in comune, come a dire che il Genio non ha una sola faccia. Infatti nel 21esimo secolo l’immagine del genio può indossare un camice bianco da laboratorio (così come un maglione girocollo nero e un paio di occhiali con montatura a filo); per molto tempo la definizione della parola è stata, come dire, mal interpretata. Nell’Antica Roma il termine genio faceva riferimento a una divinità, una sorta di guardiano dedito a sorvegliare la vita di ognuno, un angelo, insomma, atto a proteggere il carattere morale di ognuno e ad aiutare a fare la cosa giusta. È solo a partire dal 16esimo secolo che la parola genio cambia di significato, e indica un disposizione naturale spiccata, un’attitudine, un talento. In altre parole ognuno di noi ha una propria genialità. I giovani talenti nelle immagini che trovate nella gallery qui sopra, ne sono la prova: il vero genio ha molte facce diverse e si presenta in una moltitudine di modi diversi. Li abbiamo liberati al Museo di Brooklyn – luogo di genialità per eccellenza – e abbiamo guardato cosa è successo.